Claymore Wiki Italia
Advertisement
Claymore Wiki Italia
Pamela
Nome Pamela
Statistiche
Genere Femmina
Simbolo Pamela simbolo
Rango

Numero 35

Stato Deceduta

Uccisa durante la Guerra del Nord

Informazioni di alleanze
Ex-Affiliaz.

Organizzazione

Prime apparizioni
Manga

Scena 50

Anime Scena 18
Epoca

Generazione di Claire

Giapponese Yui Kano

Pamela era la Claymore numero 35 della generazione di Claire. Partecipe e vittima della Guerra del Nord.

Etimologia[]

Il nome Pamela ha origini greche e d è l'unione delle parole Pan e Meli e significa "tutto miele".

Apparenza[]

Matilda aveva dei corti capelli biondi, disordinati e lisci. Inoltre, aveva gli occhi d'argento e indossava la classica uniforme da Claymore.

Personalità[]

Pamela si dimostrò probabilmente la più emotiva, tanto da mettersi in lacrime dalla preoccupazione dell'esito che avrebbe avuto la seconda battaglia, nonostante ciò fu consolata da Helen.

Biografia[]

Guerra del Nord[]

Era una delle 24 guerriere inviate alla Guerra del Nord dopo la missione fallita della squadra di Eva. Faceva parte della squadra di Veronica, composta da Cinzia (numero 14), Helen (numero 22) e Matilda (numero 41).

Prima battaglia[]

Nella prima battaglia la squadra di Veronica andò in soccorso a quella di Jean, che era stata completamente sconfitta da un risvegliato. Pamela entrò in azione dopo Veronica e Helen. Tuttavia, il risvegliato aveva troppe zampe, riuscendo di conseguenza a trafiggere sia Jean e il resto della squadra di Veronica, tranne Pamela e Matilda. Subito dopo le guerriere organizzarono un piano per uccidere il risvegliato, dove Veronica e Cinzia dovevano distrarlo da Jean che preparava la sua tecnica. Pamela restò a guardare mentre Veronica e Cinzia riuscirono nel loro intento, dando sia a Helen che a Jean la possibilità di tagliare tutte le zampe, e infine furono le numero 13 e 14 ad uccidere il risvegliato.

Pamela e le altre raggiunsero le squadre di Flora e Undine, dopo aver terminato con il loro risvegliato, ma prima che Miria terminasse. Durante l'attesa della seconda battaglia, fu vista al contrario del resto della squadra, fuori dalla loro casa, immersa dalle sue lacrime ma fu consolata da Helen, che gli regalò anche una mela.

Riunione a Pieta[]

Prima della seconda battaglia venne convocata una riunione con tutte le guerriere presenti al Nord. Durante la riunione Miria espose il suo piano che consisteva nell'assumere soltanto la metà di una pillola per la soppressione dello Yoki prima della seconda battaglia, così da poter permettere alle guerriere di inscenare la propria morte nel caso in cui avessero perso conoscenza durante lo scontro. Alle sopravvissute invece venne affidato il compito di seppellire le cadute e di nascondersi tra le montagne di Alphonse.
In conclusione, Flora alzò la propria spada e chiese a tutte le guerriere che sarebbero sopravvissute di prendere con se le anime di quelle che sarebbero decedute, e infine, tutte le Claymore compresa Pamela incrociarono le spade nella speranza di una buona riuscita del piano.

Seconda battaglia[]

Però fu uccisa da un risvegliato, durante la seconda spedizione dei risvegliati di Easley, colta di sorpresa dal basso della casa in cui si trovavano in attesa, dove il risvegliato la stritolò davanti agli occhi impietriti delle sue compagne. Di conseguenza, fu la prima vittima della Guerra del Nord. Dopo la sua morte, fu sepolta accanto alle sue compagne dalle 7 sopravvissute alla Guerra del Nord.

Dopo sette anni[]

Dopo sette anni Clarice trovò le spade delle cadute al Nord e contandone soltanto 17 delle 24 guerriere che parteciparono alla guerra, tra le quali era presente anche quella di Pamela, decise di accertarsi dell'effettivo numero di spade per segnalare la questione all'Organizzazione. Nel frattempo Claire iniziò a ricordare l'ultima riunione a Pieta delle guerriere a Pieta alla quale partecipò anche Pamela.

Vedi anche[]

Collegamenti con la Guerra del Nord
I risvegliati di Easley (clicca le immagini per visualizzare le pagine)
Avvenimenti
Squadra antecedente alla Guerra del Nord
Advertisement